La nostra storia - Archivio storico cgil Monfalcone

Vai ai contenuti

Menu principale:

La nostra storia

L'ARCHIVIO

Papais Renato nella prima foto a sinistra e destra nella seconda, Parenzan Sergio nella prima foto a a destra e sinistra nella seconda.

L' archivio storico della CGIL di Monfalcone nasce dall' impegno volontario di due dirigenti sindacali della CGIL, di primo piano, della provincia di Gorizia, Sergio Parenzan e Renato Papais.
Sergio Parenzan  e Renato Papais hanno intrecciato le loro storie, di dirigenti sindacali per molti decenni,  prima come operai del Cantiere navale di Monfalcone,  poi nella Resistenza e nel dopoguerra  per due decenni  nella FIOM e nella CGIL,  poi in fine dando vita all' archivio storico della CGIL.
Fin dall' inizio del loro impegno sindacale avevano iniziato a conservare il materiale che entrava in loro possesso, accordi, documenti di ogni genere concernenti il lavoro e il sindacato, fotografie e manifesti che hanno fatto la storia del movimento dei lavoratori, e che senza la passione e la consapevolezza del valore della memoria, da parte di Renato Papais e Sergio Parenzan, forse, sarebbero andati irrimediabilmente perduti.
Dopo la pensione e aver svolto il loro ruolo di dirigenti della CGIL, in continuità del loro impegno sindacale, hanno incominciato, in uno scantinato della sede della CGIL di Monfalcone, a riordinare tutto il materiale accumulato dando vita all'archivio storico della Camera Del Lavoro della provincia di Gorizia.
Una volta ordinato tutto il materiale da Sergio Parenzan e Renato Papais, si √® aggiunto Lucio Tori, che con il suo  straordinario contributo volontario, ha svolto un immane lavoro di classificazione e digitalizzazione dei materiali selezionati, dando una struttura organica all' archivio e rendendolo finalmente agilmente consultabile.
L' inaugurazione dell' archivio avveniva ufficialmente nel 2005, e veniva intitolato a Sergio Parenzan, che nel frattempo ci aveva lasciato per sempre.
In fine nel 2011 veniva riconosciuto dal Ministero alla Sovraintendenza Dei Beni Culturali e Archivistici Nazionali, come patrimonio da conservare di interesse culturale.
Lo scopo e la ragione dell' Archivio e quello di conservare la memoria dei fatti e i documenti che hanno fatto la storia del movimento dei lavoratori della provincia di Gorizia, per renderli fruibili a tutti coloro che ne vogliano fare uso per ragioni di studio, di divulgazione e di conoscenza della storia del lavoro e del Movimento politico - sindacale che lo ha guidato fino ai giorni nostri e oltre.

 

Foto storia
Sergio Parenzan

 

Fotostoria di
Papais Renato







                                                                                                                                                                                  

 
Torna ai contenuti | Torna al menu